il bambino che non c'è
voci fra infanzie e adulti


Di e con Tiziana Lucattini
Regia di Daria Deflorian
Costumi ed elementi di scena Paola Romoli Venturi
Luci Nicola D’Angelis
Organizzazione e promozione Paola Meda, Serena Amidani

Voci che si accavallano, che si rispondono, che si escludono. Voci e immagini di possibili diversi personaggi, disegnati da un braccio dietro la schiena, da un urlo silenzioso, dalle guance piene di un cibo che proprio non va giù. Bambine e bambini emblematici, potenti: non ci parlano dell’infanzia in sé, ma di quella relazione impossibile e miracolosa, imbarazzante e fastidiosa, violenta e stupita, con quell’altra infanzia, quella degli adulti. Bambini inesistenti in una sfocata fantasia adulta, luccicanti nel disagio, potenti comunque e comunque lontani.

“Una prova eccellente di Tiziana Lucattini e Daria Deflorian che indaga la solitudine e il dolore dei nostri giorni, raccontando i turbamenti dell’adolescenza e l’impotenza del mondo adulto incapace di dare risposte. Il Bambino che non c’è racconta l’assenza ed esprime tutto il disagio e l’orrore che ci condannano al silenzio” (Menzione Speciale come miglior spettacolo per giovani al Premio Eti Stregagatto 2004)


A partire dai 14 anni

scheda tecnica


Tiziana Lucattini Tiziana Lucattini Tiziana Lucattini

 

Il bambino che  non c'è (versione francese "Neige Noire") su YouTube
 

 

Locandina


In scena

Teatro del Quarticciolo

Via Ostuni 8 Roma
5 – 6 dicembre 2008 21,00 h

Clermont-Ferrand
18-19-20 marzo 2009

Theatre des Ateliers - Lyon
giugno 2009 date da definire
 

 


Stampa questa pagina